Legge di bilancio 2018: quali opportunità per le imprese?

Ieri sera il Consiglio dei Ministri ha approvato la Legge di bilancio 2018 e, sempre ieri, è stato pubblicato il decreto c.d. “Collegato fiscale”. Poche le risorse disponibili, ma non mancano buone opportunità per le imprese:

  • Stop aumento Iva, accise e tributi: nel 2018 non ci saranno aumenti delle aliquote dell’Iva, delle accise e dei tributi e delle addizionali regionali e degli enti locali;

 

  • Confermate le agevolazioni per gli interventi di ristrutturazione edilizia ed energetica, il superammortamento e l’iperammortamento;

 

  •    Incentivo strutturale per l’occupazione giovanile stabile– A decorrere dal primo gennaio 2018 i datori di lavoro del settore privato che assumono giovani con contratti a tutele crescenti beneficeranno di uno sconto triennale sui contributi previdenziali pari al 50%. L’esonero spetta anche per le assunzioni avvenute nei mesi di novembre e dicembre 2017.

 

  • Lo stesso sgravio al 50% per tre anni si applica anche nei casi di prosecuzione di un contratto di apprendistato in contratto a tempo indeterminato, qualunque sia l’età anagrafica al momento della prosecuzione e quando un datore di lavoro assume, entro sei mesi dal conseguimento del titolo di studio, studenti che abbiano svolto percorsi di alternanza scuola-lavoro o di apprendistato per il conseguimento del titolo di studio;

 

  • Bonus cultura per i diciottenni – Viene confermata la misura introdotta nel 2016. I giovani che compiono 18 anni nel 2018, attraverso apposita piattaforma online, hanno a disposizione 500 euro spendibili per l’acquisto di biglietti del teatro o del cinema, l’acquisto di libri e musica registrata, per l’ingresso ai musei;

 

  •      Bonus verde: detrazione del 36% per la “sistemazione a verde” di aree scoperte di pertinenza delle unità immobiliari private di qualsiasi genere (terrazzi, giardini, anche condominiali) anche mediante impianti di irrigazione,  nonché a lavori di recupero del verde di giardini di interesse storico.

 

  •       Credito d’imposta per le campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali, spetta anche sugli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa quotidiana e periodica, anche on line, effettuati dal 24 giugno 2017 al 31 dicembre 2017 purché il loro valore superi almeno dell’1% l’ammontare degli analoghi investimenti pubblicitari effettuati sugli stessi mezzi di informazione nel corrispondente periodo dell’anno 2016.

 

Per ulteriori informazioni e chiarimenti, siamo a Vs. disposizione!

Recent Posts

Start typing and press Enter to search